lunedì 11 settembre 2017

CROLLA LA VOLTA DELLA GALLERIA DELLA SPV A CASTELGOMBERTO. UNA VORAGINE PROFONDA 25 METRI SOTTO IL TORRENTE POSCOLA. DEVIATE LE ACQUE E DISTRUTTI OLTRE 40 METRI DI ARGINE

Oggi dopo le 14 si è verificato un crollo devastante nel cantiere di SIS nella zona industriale di Castelgomberto. È crollata la volta della galleria della Pedemontana Veneta al suo imbocco in Valle dell'Agno. Si tratta dei primissimi metri che si inabissano della Valle di Priabona, in direzione est, proveniendo in trincea profonda 15 metri da Brogliano.
Il fondo del torrente Poscola e oltre 40 metri di argine sono piombati 25-30 metri più in basso alla base del tunnel di quasi 7 km, il più grande della della Montecchio-Spresiano. La situazione è apparsa subito gravissima, dato il nervosismo delle maestranze e dei tecnici che tentavano di impedirci di documentare lo stato dei fatti. Le discussioni con gli
espropriati delle aree a confine non ancora pagati, erano pesanti. Ma ora la SIS occuperà nuove aree per rimediare a un grave danno che il suo cantiere ha provocato a tutta l'area intorno. Inutile il tentativo dei tecnici di nascondere e minimizzare la realtà e l'evidenza dei fatti che apparivano dagli argini del Torrente Poscola.

Come sia stato possibile che nessun operaio abbia subito conseguenza gravissime, come quelle già verificatesi nel lato di Malo con il decesso di un operaio, è difficile da spiegare. La volta è venuta giù portandosi dietro argine e torrente, che carico d'acqua, ha fatto il resto trasformando il danno in una voragine di 25 per 40 metri, profonda quasi 30 metri.

Alle 17 è cominciata la spola dei camion di SIS per riempire la voragine. Una prima messa in sicurezza del cantiere ha comportato lo sbarramento delle acque del Poscola e il taglio dell'argine nel lato di monte. Questo ha provocato lo sversamento delle acque provenienti da Priabona, dal Monte Faedo e dal Monte Palazzo, nei terreni verso la contrada Canton. La pericolosità della situazione è aggravata dall'incombente mal tempo, per gli abitati a sud della zona industriale di Castelgomberto. L'allagamento dei campi è stata la sola condizione per impedire il completo allagamento della Galleria e delle trincee. I tecnici di
SIS ipotizzano di deviare il torrente e ricondurre le acqua nel Poscola più a valle. Le immagini non lasciano scampo alla gravissima situazione che a nostro giudizio trova radici nella totale mancanza di valutazione tecnica, ambientale e di impatto del progetto di SPV. Queste del Poscola sono aree risorgive, di rilevante interesse ambientale e tutelate come sito di importanza comunitaria appartenente alla rete Natura 2000. Per queste i comitati di Montecchio e il CoVePA avevano presentato dettagliati esposti sulle carenze della valutazione ambientale e sul rischio idrogeologico, adesso i fatti ci danno ragione. Soprattutto questo tunnel appare non tenere in giusto conto il rischio e le condizioni metereologiche, se sono bastati pochi millimetri di pioggia a provocare un tale danno dopo una delle estati più torride degli ultimi 100 anni. Va infine ricordato che le condizioni di sicurezza di questo progetto sono evidentemente tirate al limite e speriamo che queste portino una ulteriore azione della magistratura fino al sequestro conservativo dei luoghi per capire cosa stia accadendo. Il rischio che si verifichino altri crolli è altissimo non solo per chi è coinvolto nel lavoro ma anche all'esterno dell'area di cantiere. Va sottolineato il fatto che queste aree erano aperte e libere al transito. I rischi di ulteriori crolli nei campi circostanti, con l'avanzare del tunnel, non si può escludere. Il futuro inoltre può riservare alla galleria l'impatto di grandi masse d'acque sotterranee. Sono le stesse che tra il dicembre del 2010 e il gennaio 2011 hanno determinato l'allagamento dell'innesto della Pedemontana Veneta con la statale 11 ad Alte di Montecchio Maggiore. In somma un futuro nero per i costi della galleria e dell'opera tutta, ma soprattutto per i suoi tempi di realizzazione.

4 commenti:

  1. Vi prego, cambiate font. Questo qui è illeggibile. Grazie.

    RispondiElimina
  2. il Veneto è zona altamente sismica e quindi luogo di terremoti anche molto forti, con censeguenti decine di migliaia di fratture crostali di varie dimensioni e profondità. In quella zona dei Lessini vicentini la situazione è parificabile se non peggiore. Dal lato di Malo la collina ad est ha addirittura portato gli strati calcarei in verticale, passandovi la grande faglia Schio-Vicenza-Delta. Ad ovest la faglia di Castelvero. In questa zona incriminata invece, come si evince dalla forma della parete rocciosa della valle del Poscola, lato est, c'è una chiara parete liscia alzatasi in verticale negli ultimi 10 milioni di anni. Le rocce di quella zona sono di conseguenza, MOLTO FRATTURATE, e causano quindi crolli rocciosi, quella che indirettamente ha ucciso il lavorante nella galleria a Malo. Per questo è facilissimo che si possano interrompere importanti vene d'acqua, asciugando per sempre le sorgenti a valle

    RispondiElimina
  3. Richiesta dimissioni immediate di Luca Zaia! Siamo in violazione del principio di precauzione! Pazzesco

    RispondiElimina
  4. fate un esposto in Procura...e speriamo che non finisca come rischia di finire la storia di Borgo Berga!

    RispondiElimina

TU COMMENTI NOI MODERIAMO