venerdì 11 dicembre 2015

TAEPILE rilancia sulla Spv con il dossier esplosivo della Corte dei conti: Vernizzi sulla graticola, due sberle alla SIS e una pettinata all'impomatato Zaia


Marco Milioni su TAEPILE pubblica i contenuti della relazione della Corte dei Conti sulla SPV. «I controlli dei ministeri competenti e della Regione Veneto risultano assenti» e appare incerta «la sostenibilità finanziaria dell'opera» il cui costo è cresciuto ormai sino a tre miliardi di euro. «La convenzione con il concessionario» il consorzio Sis-Spv presenta condizioni di notevole convenienza per il privato; genera «l'alea un potenziale debito pubblico occulto sulla Regione dal momento che il rischio di mercato «risulta sbilanciato a sfavore della parte pubblica».

Sono questi alcuni dei passaggi salienti con cui la Corte dei Conti a Roma, ovvero la «Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato» mette sulla graticola la Pedemontana Veneta nonché l'operato del suo commissario straordinario, l'ingegnere rodigino Silvano Vernizzi. Il documento, un vero e proprio dossier esplosivo di 161 pagine, ricche di grafici, analisi economiche e giuridiche è firmato dal responsabile della sezione, Antonio Mezzera, il magistrato che a suon di carte bollate da mesi sta duellando a distanza non solo con Vernizzi ma anche con i funzionari della regione e con molte amministrazioni locali, che su Spv avrebbero tenuto un comportamento ambiguo. Scopo della relazione di Mezzera, questo è il compito che gli assegna il suo ufficio, è quello di fare luce sugli aspetti economico-giuridici per segnalare eventuali anomalie ed incongruità.

La relazione peraltro, che porta la data del 9 dicembre ed è stata resa nota ieri dal consigliere regionale Andrea Zanoni sul suo portale, muove un altro durissimo j'accuse al commissario quando parla del collaudo dell'opera. Collaudo affidato «in contrasto con la normativa comunitaria che impone una procedura ad evidenza pubblica». E altrettanto dura in tal senso è la posizione di Zanoni che spiega «Finalmente verrà fatta chiarezza sui troppi lati oscuri di questo progetto... che fin dal 2011 denunciai alla Commissione europea nella mia veste d'allora, ovvero quella di Eurodeputato». Ora, almeno sul piano mediatico, la querelle Spv si riapre perché la Corte dei conti ha finito per mettere il timbro della ufficialità dello Stato su una serie di rilievi già posti da alcuni media, da comitati e associazioni. Il tutto, con la vertenza Spv che per di più si accinge ad essere vagliata dal Consiglio di Stato nell'ambito delle opposizioni mosse dai ricorrenti, potrebbe avere anche risvolti di natura penale: da mesi si parla, senza riscontri peraltro, di fascicoli aperti in una o più procure del Veneto. Ma le notizie giunte ieri da Roma potrebbero imprimere una svolta decisiva.

1 commento:

  1. Zaia è il continuatore delle Grandi Opere inutili del delinquente abituale Galan, con l'aiuto della delinquente abituale Lia Sartori e il capomastro Chisso, anch'esso autodichiaratisi delinquente in quanto con il patteggiamento o l'ammissione di colpa e il dichiarare pubblicamente le loro ladronerie, potevano rimanere per poco tempo nelle patrie galere, con le leggi che loro avevano aiutato ad approvare, con il loro capo, altro delinquente abituale Berlusconi, Dell'Utri e lo stuolo di 1 migliaio di galoppini di malaffari regionali e statali. Se quindi questi individui sono dei delinquenti certificati, e Zaia ne è il perfetto continuatore, l'equazione matematico/grammaticale è perfetta : anche Zaia è un delinquente, quindi c'è una forte probabilità che fra poco egli e alcuni altri della sua Banda finiscano dietro alle sbarre. Se ho sbagliato l'equazione, avvisatemi, perchè non sono esperto ne di matematica, ne di grammatica.

    RispondiElimina

TU COMMENTI NOI MODERIAMO